Periodo: XIX-XX secolo
Maestro e compositore

Angelo Luiso nacque a Bitonto (Ba) il 10.12.1886. Dopo aver compiuto i suoi studi di musica presso il Conservatorio di Napoli, sin da giovane si dedicò alla direzione ed alla composizione. Come maestro concertatore e direttore ha portato in auge molti concerti bandistici, da Bari a Lecce, dirigendo poi per moltissimi anni la Banda di Salice Salentino, in particolare dagli anni 1919 – 24, poi negli anni '30 e infine negli anni ' 50, facendola conoscere e stimare degli appassionati di mezza Italia.

Uomo integerrimo, concertatore finissimo, molto esigente con i professori d'orchestra, sempre energico ed appassionato nelle sue prestazioni sul podio, nella vita privata fu invece molto tenero, amico e confidente di tutti i salicesi, nei confronti dei quali riversava forse quell'affetto che non aveva potuto profondere nei confronti dei figli.

E' stato un compositore tenace e appassionato, ed ha saputo trasferire nella sua musica la forza del suo carattere e gli echi della musicalità campagnola e salentina, fra misti di verismo lirico di derivazione pucciniana e mascagnana.Le sue composizioni sono difficili da eseguire perché richiedono un grande impegno da parte degli esecutori ma in compenso sono molto melodiose e orecchiabili. Famosissima è la sua Salve Regina, che da oltre sessanta anni viene eseguita a Salice la sera del 1° luglio, in occasione della Fiera "Madonna della Visitazione", nella Piazza Plebiscito a conclusione della Solenne Processione.

Una sua composizione musicale, dal titolo Epopea Belga, ebbe poi l'onore di essere premiata con medaglia d'oro dai regnanti del Belgio. Compose inoltre la Reginetta ed altre opere, che furono eseguite ed ebbero riconoscimenti a Parigi e in tutta Italia.

Morì a Salice il 4.1.1965.

(Le vie dei Salicesi, a cura di Franco Colletta – Maci Editore - 2000)

Torna a inizio pagina