null Campagna vaccinale anti-COVID 19 Slittamento di due settimane a partire da mercoledì 28 aprile 2021 per le persone già prenotate rientranti nella fascia di età 69-60 anni

Campagna vaccinale anti-COVID 19 Slittamento di due settimane a partire da mercoledì 28 aprile 2021 per le persone già prenotate rientranti nella fascia di età 69-60 anni

Data:
28 aprile 2021
Campagna vaccinale anti-COVID 19  Slittamento di due settimane a partire da mercoledì 28 aprile 2021 per le persone già prenotate rientranti nella fascia di età 69-60 anni

Campagna vaccinale anti-COVID 19

Slittamento di due settimane a partire da mercoledì 28 aprile 2021

per le persone già prenotate rientranti nella fascia di età 69-60 anni

 

L'Asl di Lecce ha riprogrammato la campagna vaccinale per categorie in attesa delle nuove scorte di vaccini.

Da mercoledì 28 aprile 2021 priorità a fragili e over 70

 

Tenuto conto della esiguità di dosi di vaccino allo stato disponibili, a partire da mercoledì 28 aprile incluso, non sarà possibile garantire la vaccinazione delle persone rientranti nella fascia di età 69-60 anni, che risultano prenotate e confermate attraverso i canali dedicati.

Pertanto, secondo quanto comunicato in una nota della Asl, i prenotati della fascia di età 69-60 anni con un appuntamento confermato a partire dal 28 aprile sono rimandati a due settimane di distanza. Sede e orario delle vaccinazioni restano invariati.

 

Ad esempio:

- la vaccinazione prenotata per le 8 del 28 aprile è rimandata alle 8 del 12 maggio;

- la vaccinazione prevista alle 10 del 30 aprile è rimandata alle 10 del 14 maggio;

- la vaccinazione prevista alle 10 del 12 maggio è rimandata alle 10 del 26 maggio;

e così via nelle successive giornate vaccinali.

 

Per le stesse motivazioni, la somministrazione di prime dosi a caregiver e/o familiari conviventi delle persone estremamente vulnerabili è limitata, per ora, ad una sola persona per ciascun soggetto “estremamente vulnerabile”. Solo nel caso di minori estremamente vulnerabili o in condizioni di disabilità grave e/o per i malati rari, la somministrazione di vaccino è limitata a due persone per ciascun soggetto.

Ulteriori informazioni

Ultimo aggiornamento

28/04/2021, 10:19